adplus-dvertising

Che suscita pietà?

Sommario

Che suscita pietà?

Che suscita pietà?

1 Sentimento di compassione, di pena per l'altrui sofferenza: provare, sentire p. per qualcuno; avere p. di qualcuno; destare, suscitare p.; muovere a p.; guardare con p.; essere senza p.

Che non ha pietà sinonimo?

crudele, spietato: un carnefice senza pietà.

Che tristezza sinonimi?

Sinonimi di tristezza Altri sinonimi:dispiacere, nostalgia, uggia, lutto, paturnia, tristizia, accoramento.

Che schifo sinonimi?

schifo

  • disgusto, orrore, raccapriccio, ripugnanza, nausea, voltastomaco, ribrezzo, insofferenza, repulsione. CONTR attrazione, ammirazione, piacere.
  • sporco, sporcizia, sozzume, sudiceria, lerciume. CONTR pulizia.
  • schifezza, porcheria, bruttura, vergogna, indecenza, oscenità, scandalo, infamia.

Che suscita pietà ma anche sdegno?

[de-plo-ré-vo-le] agg. 2 Che suscita pietà ma anche sdegno SIN miserevole, vergognoso: versare in condizioni di vita d.

Che significa avere pietà?

fare p., suscitare compassione, commiserazione: era ridotto in modo da far p.; anche, iperbolicamente, di cosa mal fatta o mal riuscita, o meschina, miserevole e sim.: un romanzo, uno spettacolo che fa p.; con soggetto di persona, suscitare un sentimento di superiore compatimento o disprezzo: per come ti sei comportato ...

Qual è il contrario di pietoso?

[che sente e dimostra sentimenti di pietà, carità, amore: non c'era un'anima p. che l'aiutasse; mostrarsi p. verso qualcuno] ≈ caritatevole, compassionevole, misericordioso, pio. ↔ crudele, empio, impietoso, spietato.

Che non lascia scampo sinonimo?

[di fatto, che non lascia scampo: condanna, sentenza s.] ≈ inesorabile. ↓ grave, pesante.

Qual è il contrario di triste?

Contrari di triste Altri contrari:bello, divertente, felice, contento, accontentare, gioviale, beato, radioso, brioso, giocoso, sollazzevole, umoristico, festevole, gongolante, dionisiaco, festante, gaudioso.

Come si dice quando sei triste?

Possiamo quindi dire che ci sentiamo “tristiquando siamo ad un grado intermedio di intensità, diciamo che ci sentiamo “giù di corda” quando il livello è un po' inferiore e “infelici” o “disperati” quando invece il livello di tristezza è alto.

Post correlati: