adplus-dvertising

Come curare l'aorta dilatata?

Sommario

Come curare l'aorta dilatata?

Come curare l'aorta dilatata?

Il tratto di aorta dilatato viene asportato e sostituito con una protesi artificiale tubulare. Nei casi in cui coesiste una insufficienza della valvola aortica, anche questa deve essere sostituita con una protesi e le arterie coronarie vanno reimpiantate sulla protesi tubulare.

Quanto deve essere il diametro dell'aorta?

In condizioni normali il suo diametro è al massimo di circa 2,5 cm, ma nel tempo può dilatarsi, irrigidirsi o deformarsi a causa di diverse patologie. Quando il diametro dell'aorta supera del 50% la sua misura normale si va incontro ad una patologia chiamata “aneurisma dell'aorta”.

Quando l'aorta si dilata?

Per aneurisma si intende una dilatazione dell'aorta, con modificazione della normale struttura della sua parete. Questa dilatazione (aumento del diametro normale del vaso) è permanente e progressiva. Dilatandosi sempre più le pareti del vaso tendono ad assottigliarsi, fino a raggiungere il rischio di rottura.

Cosa vuol dire lieve ectasia della radice aortica?

Per Ectasia aortica s'intende l'allungamento o l'allargamento dell'aorta toracica che di conseguenza subisce una dilatazione.

Quando si opera un aneurisma aortico?

L'intervento di tipo tradizionale prevede il taglio chirurgico sull'addome (laparotomia mediana xifo-pubica), la mobilizzazione delle anse intestinali, l'isolamento dell'aorta e la sostituzione del tratto malato con materiale protesico compatibile con il corpo umano (generalmente Dacron).

Come si vede l'aorta?

“L'esame di primo livello a cui tutti possono sottoporsi per la diagnosi di un aneurisma dell'aorta addominale è l'ecografia o, meglio ancora, l'Ecocolordoppler che permette di visualizzare nel dettaglio l'aorta addominale – continua l'esperto-.

Quali sono le malattie dell'aorta?

Le più importanti malattie della parete sono:

  • Dilatazioni o aneurismi di tratti o dell'intero tubo aortico.
  • Rottura della tunica intima (interna) con conseguente scollamento, o dissezione, degli strati.
  • Rottura dell'aorta per questi primi due casi, ma specialmente per il secondo, a cui consegue grave emorragia interna.

Cosa provoca la rottura dell'aorta?

La presenza di un aneurisma dell'aorta toracica è una situazione di riconosciuta gravità. In corrispondenza del rigonfiamento, l'aorta toracica può indebolirsi e la forza della normale pressione sanguigna può causarne la rottura, provocando dolore intenso e un massiccio sanguinamento interno (emorragia).

Dove si trova aorta toracica?

L'aorta è il vaso sanguigno più grande del corpo umano. Essa decorre dal cuore attraverso il torace (nella cosiddetta area toracica) fino a raggiungere l'addome, dove si divide per fornire sangue agli arti inferiori. La presenza di un aneurisma dell'aorta toracica è una situazione di riconosciuta gravità.

Come sapere se si ha un aneurisma?

Sintomi

  1. Perdita di appetito, intenso dolore addominale o alla parte bassa della schiena, che si estende all'inguine o alle gambe: può indicare un aneurisma dell'aorta addominale.
  2. Dolore improvviso al petto, raucedine, tosse persistente e difficoltà a deglutire: può indicare un aneurisma toracico.

Post correlati: